Contenuti:

Sconti e offerte:

Newsletter:


Iscriviti Cancellati

Contatti:

Noi e... Voi:

Sostieni:

LibrerieCad > Appunti > Ing > Fatica nei materiali > Fat

Indietro
Fatica nei materiali
1165 consultazioni   


La fatica è un fenomeno meccanico per cui un materiale sottoposto a carichi variabili nel tempo (in maniera regolare o casuale) si danneggia fino a rottura nonostante l'intensità massima dei carichi in questione sia sensibilmente inferiore a quella di rottura o di snervamento statico del materiale stesso. Storicamente scoperta e studiata come fenomeno prettamente metallurgico, in seguito il termine "fatica" è stato usato anche per le altre classi di materiali, come i polimeri o i ceramici.

I primi studi intorno alla fatica vennero compiuti alla fine del secolo XIX, in seguito a una serie di rotture "inspiegabili" di assali ferroviari progettati per resistere a carichi (statici) ben superiori a quelli cui invece avveniva la loro rottura improvvisa in esercizio. In questo senso fondamentale è l'opera di August Wöhler, che intuì che il fenomeno era dovuto alla natura ciclica del carico cui l'assale era sottoposto (flessione rotante) e tentò di ricostruire lo stato di sollecitazione in laboratorio, mettendo in relazione l'ampiezza massima del ciclo di sollecitazione con il numero di cicli che il pezzo sopportava prima della rottura: ne ricavò una serie di curve su base statistica che ancora oggi sono chiamate diagrammi di Wohler e costituiscono lo strumento base per la progettazione di componenti meccanici a fatica. Da questi diagrammi si evidenzia per alcuni materiali l'esistenza di un limite inferiore di sforzo massimo al di sotto del quale il materiale non si rompe per effetto di fatica nemmeno per un numero "molto alto" (idealmente infinito) di cicli. Questo valore dello sforzo è detto limite di fatica del materiale.


   

>>> Cerca nel sito LibrerieCAD.it


Online Utenti connessi: 2
2 utenti sono in
      index.php
 
11067655
visitatori dal 14 / 09 / 2006

Citazioni famose:

Galileo libera la terra dall'incubo di dover stare ferma al centro del mondo. Non serve a nulla star fermi al centro del mondo. Velocità costante zero equivale a velocità costante qualsiasi. [ANTONINO ZICHICHI]


Sponsor:



Imposta il nostro sito come la tua Home Page Fai di librerieCAD.it la tua home page   |   Aggiungi librerieCAD.it ai tuoi prefertiti di IEAggiungi librerieCAD.it ai preferiti   |   Suggerisci il sito ad un amicoConsiglia la pagina ad un amico

Pagina generata in 0.0229 secondi.
Copyright © 2006-2008 - pryons | PageRank Checking Icon | Disclaimer
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

CSS Valido!